Mille Miglia 1986

La Mille Miglia Editrice

Languages English language icon English
Italian language icon Italian
Author Costantino Franchi
Photographer Bernard Asset, Ercole Colombo, Akira Mase, Manu Zurini, Pasquale Zaccone
Publishing La Mille Miglia Editrice
Dimensions hardcover, 191 pages, 235 x 338 mm

Retrospective yearbooks covering the annual Mille Miglia event. A regularity race for classic and vintage cars. Participation is limited to cars which have competed the original Mille Miglia between 1927-1957, and have been produced prior to 1957. The "thousand mile" route from Brescia to Rome and back to Brescia.

Cover of Mille Miglia 1986, La Mille Miglia Editrice

Table of Contents

English Articles

Page Section Description
5 Forword

Giuseppe Lucchini


This volume is an addition to the previous editions which have illustrated the 1982 - 1984 "historical" Mille Miglias. This new edition, with its articles and photographs, is also a synthesis and testament of the great reception it received from the people during the Mille Miglia between the first and third of May 1986.
6 Giovanni Canestrini
The founders
Born in Rovereto and soon moved to Milan, he threw himself into professional journalism, which he did for more than half a century, his youthful fervor induced him to become a pilot during the First World War and, as a sportsman, an enthusiastic fencer.
7 The founders Renzo Castagneto
Originally from Padua, coming to Brescia when he was very young, he was the first secretary of the Automobile Club of Brescia, founded in 1926, and then became the actual director of the Society.
8 The founders Aymo Maggi
In the quartet of founders of the Mille Miglia, nicknamed "the four Musketeers" Aymo Maggi must have represented the original elitism of the motor sport race. From an old family, the lively bud of the Brescia patriate, "Count Aymo" as he was called at that time, right from his boyhood, began to compete in motor racing, partaking in motorcycle competitions on the little track of the old stadium in Brescia.
9 The founders Franco Mazzotti
Of the four founders of the Mille Miglia, Franco Mazzotti is the least known, but by no mean less important. The son of a well known financier from Chiari, a friend of Maggi, almost the same age as him (he was born in 1903 and Maggi in 1904), he had a great love for all motor activities.
10 Mille Miglia 1955

Franco Zagari


15 Enthusiastic - Worthwhile - Beautiful!
XXII Mille Miglia, 1st May 1955

Charles Faroux


Here we have the Italian Mille Miglia, undoubtedly one of the two or three greatest motor competitions in the world, stamped in this instance with the seal of loyalty and steeped in enthusiasm. These two essential features ensure it a unique character.
16 Mille Miglia 1957

Franco Zagari


21 The Return of the Mille Miglia
XIX Mille Miglia, 3rd-4th May 1952

Luigi Chierici


How many car races take place every year? For an easy way out, let me reply with an approximate "many" which same me an accountant's job over a list of names and dates of sporting event.
Instead I will be much more precise in declaring that, amongst them all, there is one which I like enormously, attracting me in a very particular way: the Mille Miglia.
24 Competitiors
28 Scrutineering
As in past years the Mille Miglia scrutineering comes back to Piazza della Vittoria with the same ingredients: cars, crowds and celebrities.
44 Sweetly Bewitched

Manuel Vigliani


Tender is the night, as Fitzgerald says, as the lights of the Mille Miglia illuminate the dreamy skies. The long adventure of men, women en veteran cars coming from all over the world has come into the harbor of one's memories which are both sweet and agonizing, much more than the cold winner's lineup could hope to express.
56 The personalities Everyone's a Winner
AutoCapital (ITA)

Luca Grandori


Even more crowds, even more entertainment and above all, a list of cars, never gathered together before. The 1986 Mille Miglia broke all records, thanks also to the great personalities with the diligence and will of dedicated car collectors.
In this exceptional write-up, "AutoCapital" remembers the most exciting moments of a race, unparalleled elsewhere in the world.
70 The start
The incredible charm of the nocturnal departure: two headlights, the car bonnet and the italian flag; Giuseppe and Miriam Lucchini's Ferrari 250 Mille Miglia (chassis 0270 MM) is leaving; the president's wife was a perfect hostess during the 1986 Mille Miglia, and also took part in this great adventure alongside her husband.
78 The crowds
On the ramp you can see amongst other Bruno Boni official starter in all the post-war Mille Miglias, Luigi Villoresi, 1951 winner, Nico Ranzanici president of the Automobile Club of Brescia and on of the main supporters of the competition.
88 Yet another thousand

Leopoldo Canetoli


At evening vespers, at 7:15 on Thursday first of May, the priest in Viale Rebuffone rang the bells. No one really understood wether it was a call to worship, or instead the last call to the participants of the 1986 Mille Miglia, already drawn up in place along the wide streets.
92 The cars
124 "At the steering wheel I'm a happy man"
Milla Miglia - A sprint with Clay Regazzoni

Adriano Cimarosti


During the final stage of the Mille Miglia (3rd May) Clay Regazzoni took us from Rome to Siena in his Lancia B20 2500 coupé made in 1954. We drove along the roads in Lazio and Tuscany with the 1974 world championship runner up. It was especially pleasant on this occasion to talk to Regazzoni about all sorts of things.
134 Phil Hill Mille Miglia Story...

Phil Hill


I guess it's okay to admit it now, but after the 1984 Mille Miglia I figured it was all over. There was no way the event could be that extraordinary again. Something would happen - an accident? a general loss of enthusiasm? - to take some of the fun and excitement away from this event. Wrong again.
179 38 different car marks were represented making a total of 250 vehicles
56 of these being Ferraris and 45 Alfa Romeos

Paolo Mazzetti


"In my opinion there were more people on the roads this years than there were in the authentic era of the Mille Miglia..."
This was the comment made by the British Champion, Stirling Moss on his arrival in Brescia after the 1600 km long return journey to Rome.
182 The arrival and prize-giving

Italian Articles

Page Section Description
4 Questo volume

Giuseppe Lucchini


Questo volume si aggiunge alle edizione precedenti che hanno illustrato le Mille Miglia "storiche" del 1982 e del 1984. Anche la nuova edizione vuol essere, con gli scritti e con la documentazione fotografica, una sintesi e svolgimento della Mille Miglia tra l'1 e il 3 maggio del 1986.
6 Giovanni Canestrini
I fondatori
Nato a Rovereto e trasferitosi presto a Milano riversò nella professione giornalistica, practica per oltre mezzo secolo, gli ardori giovanili che lo videro pilota d'aereo nella prima Guerra Mondiale e nella pratica sportiva, schermidore appassionato.
7 I fondatori Renzo Castagneto
Di origine padovana, giunto a Brescia giovanissimo è stato il primo segretario dell'Automobile Club di Brescia, fondato nel 1926, e poi direttore de sodalizio stesso.
8 I fondatori Aymo Maggi
Nel quartetto dei fondatori della Mille Miglia, soprannominati "i quattro moschettieri", Aymo Maggi ebbe a famiglia, rampollo esuberante del patriziato bresciano, il "conte Aymo" com'era chiamato nell'ambiente del tempo, cominciò fin da ragazzo a misurarsi nel motorismo impegnandosi in gare motociclistiche sulla piccola pista del vecchio stadio di Brescia.
9 I fondatori Franco Mazzotti
Tra le figure dei quattro fondatori della Mille Miglia quella di Franco Mazzotti è la più sfumata, perché la più lontana nel tempo, ma non la meno importante. Figlio di un noto finanziere di Chiari, amico e quasi coetaneo di Maggi (questi era nato nel 1903 e l'altro nel 1904) nutriva una passione spiccate per tutte le attività motoristiche.
10 Mille Miglia 1955

Franco Zagari


14 Entusiasmo - Valore - bellezza!
XXII Mille Miglia, 1 Maggio 1955

Charles Faroux


Eccole, Le Mille Miglia d'Italia, senza dubbio una della due o tre più grandi competizioni automobilistiche del mondo, marcata qui dal sigillo assicurano un carattere unico. Quando il Conte Maggi concepì l'idea, la sua realizzazione parve costituire una sfida in piena regola.
16 Mille Miglia 1957

Franco Zagari


20 Ritorno alla Mille Miglia
XIX Mille Miglia, 3-4 Maggio 1952

Luigi Chierici


Quante sono le corso automobilistiche che si svolgono in un anno? Concedetemi la pigrizia di rispondere con un approssimativo "molte", che mi evita un lavoro da contabile sul registro fitto di nomi e di date del calendario sportivo. Sarò, invece, molto più preciso nel dichiarare che fra tutte ve n'è una che mi piace immensamente, che mi attrae in modo tutto particolare: la Mille Miglia.
24 Concorrente
28 Punzonatura
In Piazza della Vittoria come negli anni passati torna la punzonatura della Mille Miglia con gli stessi ingredienti: macchine, folla e personaggi.
43 Mille Miglia, la dolce straga

Manuel Vigliani


Tenera è la notte, come dice Fitzgerald, mentre il lampo della Mille Miglia accende il cielo dei sogni vissuti. La lunga avventura di uomini, donne e vecchi motori convenuti da tutto il mondo e approdata nel porto dei ricordi, che sono dolci e struggenti, molto migliori di quanto non dica la gelida distesa delle classifiche.
48 I personaggi Tutti vincitori
AutoCapital (ITA)

Luca Grandori


Ancora più folla, ancora più spettacolo e, soprattutto, un elenco di machine mai riunite prima d'ora. L'edizione 1986 ha battuto ogni record: merito anche di grossi personaggi che hanno corso con l'impegno e la grinta del più puro collezionista. In questo eccezionale servizio, AutoCapital ricorda i momenti più esaltanti di una corsa che non ha paragoni al mondo.
70 La partenza
L'incredibile fascino della partenza in notturna: due fari ed un muretto con il tricolore; parte la Ferrari 250 Mille Miglia (telaio 0270 MM) di Giuseppe e Miriam Lucchini; la presidentessa è stata la perfetta ospite della Mille Miglia '86, permettendosi anche di partecipare al fianco del marito a questa grande avventura.
78 La folla
Sulla pedana si riconoscono tra gli altri il prof. Bruno Boni mossiere di tutte le Mille Miglia del dopoguerra, Gigi Villoresi, vincitore 1951, Nico Ranzanici presidente dell'Automobile Club di Brescia e grande sostenitore della manifestazione.
86 1000 e ancor più 1000

Leopoldo Canetoli


Al vesproo di giovedì prima maggio, alle 19,15 il parroco ella chiesa di viale Rebuffone ha fatto battere le campane. Non si è ben capito se fosse un richiamo per la messa vespertina o l'ultimo appello per i partenti della Mille Miglia '86, già ordinatamente schierati lungo il via-lone.
92 Le macchine
120 "Al volante mi sento felice!"
Mille Miglia uno sprint con Clay Regazzoni

Adriano Cimarosti


Al momento della tappa finale della Mille Miglia (3 maggio) Clay Regazzoni ci ha portato da Rome e Siena, con la sua Lancia B 20 2500 coupé del 1954. A fianco del vice-campione del mondo del 1974, abbiamo corso ad una velocità molto elevate sulle strade del Lazio, e della Toscana.
131 La storia della Mille Miglia di Phil Hill

Phil Hill


Ora posso ammetterlo, ma dopo la Mille Miglia del 1984 pensavo che fosso tutto finito. Questo avvenimento sportivo non avrebbe mai potuto essere così straordinario un'altra volta. Sarebbe successo qualcosa, un incidente, una perdita generale d'entusiasmo che avrebbe tolto divertimento ed emozione a questo avvenimento sportivo. Avevo ancora torto.
176 Le Marche rappresentate sono state trentotto per un totale di duecentocinquata vetture
di queste ben 56 erano Ferrari e 45 Alfa Romeo

Paolo Mazzetti


"Per me c'era più gente, sulle strade, quest'anno che ai tempi della Mille Miglia autentica..."
Queso è stato il commento, a caldo, al suo ritorno a Brescia dopo la cavalcata di mille-seicento chilometri, fino a Roma e ritorno, di Stirling Moss, campione britannico.
182 Arrive e premiazione